Nuovo approccio allo sport

In quest’era di rinascente nazionalismo, essere vicini potrebbe avere qualcosa a che fare con l’offerta di aiuto dove c’è bisogno, senza chiedere troppo in cambio. Gli esempi sembrano difficili da trovare in questi giorni, anche se uno degno di nota è il Japan’s Disaster Relief Team, che fornisce esperienza e supporto in tutto il mondo. E poi ci sono quei paesi che sono stati lasciati sulle spalle una quota molto più grande di altri quando si tratta della crisi globale dei rifugiati. In particolare, pensiamo alla Giordania.

La Giordania ha la seconda quota più alta di rifugiati pro capite al mondo, eclissata solo dal vicino Libano (che abbiamo preso in considerazione anche per questo premio, ma garantisce meno diritti e blocca i campi per i rifugiati siriani). Più di un milione di siriani vive in Giordania, che ha una popolazione di appena 6,6 milioni. Le condizioni per molti rifugiati non sono niente di entusiasmante – la maggior parte vive in povertà – ea volte la Giordania ha chiuso il confine siriano. Ma a differenza del vicino occidentale della Siria, la Turchia, la Giordania ha affrontato la crisi in corso in modo più pratico, spingendo per investimenti in cambio della concessione di diritti ai rifugiati e collaborando con l’UNHCR e le agenzie di soccorso per fornire servizi di base.

La Giordania mantiene anche relazioni dignitose con i vicini regionali in una regione altrimenti instabile. Sì, il suo trattato di pace di lunga data con Israele è un affare spesso gelido, ma è comunque molto meglio di qualsiasi cosa lo stato ebraico possa affermare di avere in atto con gli altri vicini arabi.

di Rinaldo Ceccano